Pirlo chiude il bunker: equilibrio in difesa per aiutare le tre star

Andrea Pirlo, 41 anni. Getty Images

La Juve che cerca con ossessione maniacale un centravanti fa sognare i tifosi, che già pregustano le magie e i colpi a effetto dei vari Ronaldo, Dybala e probabilmente Suarez. Tutto comprensibile visto che le partite si vincono con i gol e con la classe delle pedine più luccicanti. Ma c’è anche tutto il resto. C’è il problema della sostenibilità della squadra, dell’equilibrio fra i reparti, di una difesa da proteggere dopo il disastro della stagione scorsa, di un sistema perfetto da far funzionare per raggiungere gli obiettivi che ha in testa Andrea Pirlo («la Juve vuole vincere il decimo scudetto di fila e arrivare fino alla fine in Champions» ha detto ieri).

DNA DA RITROVARE—   Lo stesso neo allenatore, già nella prima conferenza stampa, aveva messo l’accento su quella che è una priorità per la nuova Juve: «Voglio più aggressività nella riconquista della palla» aveva detto Pirlo. E questo anche perché con una squadra capace di recuperare alto il pallone, la difesa andrebbe meno in sofferenza. Cosa che invece è successa nella stagione di Maurizio Sarri: i 43 gol subiti in campionato rappresentano il rendimento peggiore dai tempi di Delneri, che però aveva ben altri giocatori da maneggiare. E così Pirlo fin da subito ha la missione di correre ai ripari, di mettere la pezza a un dato che stona con la storia della Juventus. La prima cosa su cui il Maestro sta lavorando è sul recupero del Dna della Signora. Vedere i giocatori che si squagliano appena preso un gol, come spesso è successo nell’ultima stagione, è una scena che alla Juve non vogliono più vedere. E in questo senso il rientro a pieno regime di Chiellini, uomo di esperienza, di sostanza e di personalità può senza dubbio dare una mano.

Un altro aspetto su cui Pirlo sta lavorando è la duttilità tattica. Se per Sarri il dogma era la difesa a quattro, per Andrea non c’è un sistema di gioco fisso, tutto è improntato alla massima flessibilità: si potrà difendere a quattro (opzione preferita) e impostare a tre e si lavorerà sul 4-3-3 come sul 3-4-1-2 o il 3-4-3. E in effetti per quei pochi giorni in cui ha lavorato con il gruppo, che poi si è sfaldato per gli impegni con le Nazionali, Pirlo ha insistito molto su questo. In particolare sta lavorando su Danilo che è stato provato come terzo centrale a destra.

Acquisto maglie calcio poco prezzo online,maglia Juventus 2020 personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *